Post più popolari

mercoledì 3 ottobre 2018

Mantieni l'Italia il più bel paese del mondo!


A cura di Tiziano Consani
Artigiano, consulente, scrittore.









Se ti basta un rimborso sulla spesa media mensile  della materia prima gas e luce
del 25%


Se ti basta sapere che 
la nostra energia elettrica proviene
solo da fonti rinnovabili 
al 100%


IGL è la compagnia del libero mercato
che mantiene
l'Italia il più bel paese del mondo!


Fai clic qui
e


Facendo clic qui sopra potrai visualizzare due fac simili di utenza IGL



E non è finita qui!

Grazie al programma 5-15 Global Energy, 

se siete interessati a farvi una rendita sicura, nel tempo, scegliendo IGL - Italia Gas e Luce, avrete anche questa opportunità!!!
Fai clic qui sotto e

SCOPRI IL SISTEMA PER FARSI UNA RENDITA

CON IL PROGRAMMA DI AFFILIAZIONE
NETWORK MARKETING


Tiziano Consani - Incaricato indipendente di IGL - 5.15 Global Energy

I 5 pilastri della vita




I CINQUE PILASTRI DELLA VITA - Partenza - Gratuità - Fraintesa? - Certezza - Autorità - . Anche la zolla più dura è autorevole e include #rispetto , perché è solo nella terra che il seme può germogliare fino a produrre buon frutto... . 1) Partire iniziando ad arare il terreno. 2) Dispensare gratuite sementi. 3) Eliminare ogni possibilità di poter fraintendere. 4) Garantire la certezza. 5) Raccogliere il raccolto con il massimo rispetto. . Qualsiasi cosa si faccia, durante il percorso della nostra vita, è necessario che venga accolta dagli altri con rispetto. TC . . #solipensieri #consumi #consumismo #imprese #condominio #bollette #consumoetico #consumocosciente #abitazione #salvadanaio #energiaelettrica #energiapulita #aziendeitaliane #aziende #aziendeagricole #networkeritalia #networkerperpassione #networkmarketingitalia
Un post condiviso da Tiziano Consani (@5.15globalenergy_consanitizian) in data:

martedì 2 ottobre 2018

POST N. 5 - Autorità -



POST N. 5 - Autorità - . Un tempo, per trasmettere l'autorità ed esigere il rispetto, chi aveva la possibilità di erigere una torre si assicurava il dominio sui propri sudditi... . Oggi, nella nostra società, dove lo stato sociale si misura in capacità di consumo, è autorevole l'azienda che garantisce la quantità della qualità. . Con il Network Marketing, può essere offerto un prodotto e/o un servizio di qualità ad un prezzo minore o con uno sconto vantaggioso. Ciò perché il sistema si basa sulla filiera corta, quella che va dal produttore, direttamente al consumatore. Non ci sono costi di distribuzione, non ci sono neppure quelli per la pubblicità. L'unico intermediario, fra produttore e consumatore è unicamente quest'ultimo insieme agli altri: cioè gli affiliati al produttore. Io, affiliato, consumo il prodotto/servizio e ne parlo bene. Quindi faccio pubblicità gratuita. Tu fai lo stesso. Voi fate la medesima cosa e loro si comportano in uguale misura. Tutti insieme si costituisce e si costruisce un TEAM. IL NOSTRO TEAM! . Questo è il tuo momento per #scrivermi . . Guarda il mio BIO !!! . #solipensieri #affiliazioneitaliana #affiliazione #multilevelmarketing #multilivello #networkerperpassione #networkeritalia #igl #scrivereperpassione #guadagnare
Un post condiviso da Tiziano Consani (@5.15globalenergy_consanitizian) in data:

POST N. 4 - Certezza -




. POST N. 4 - Certezza - . Come l'isola Gorgona, sullo sfondo, è una certezza per tutti coloro che la vedono, quasi tutti i giorni, più o meno nitida, ma sempre bene in vista, dal litorale livornese e pisano... . Il Network Marketing è una "certezza" perché si tratta di un lavoro, vero e proprio, basato sul l'affiliazione a un'azienda verso la quale il consigliare, ad altri, i suoi prodotti e/o servizi, produce un compenso economico proveniente dai diritti provvigionali. Nel #networkmarketing , l'affiliato può essere consumatore dei prodotti e/o servizi, venduti dall'azienda e, se lo vuole, può crearsi un suo gruppo (TEAM) dove poter crescere, economicamente e creativamente, senza essere influenzato da chi sta sopra di lui. Come, invece, accade nei sistemi piramidali che si basano sul meccanismo Ponzi. . . #solipensieri #networkeritalia #bolletta #gaseluce #opportunità #gorgona #creailtuofuturo #affiliazioneitaliana #affiliazione #igl #impresario #casalinghe #lavoroautonomo
Un post condiviso da Tiziano Consani (@5.15globalenergy_consanitizian) in data:

domenica 30 settembre 2018

POST N. 3 - Fraintendere -



Un post condiviso da Tiziano Consani (@5.15globalenergy_consanitizian) in data:

POST N. 2 - Gratuità -



POST N. 2 - La gratuità - . Poche volte, durante l'anno, il clima ci permette di osservare la Corsica dalla costa livornese e anche dal #montepisano . Ma ciò che quasi tutti i giorni risulta nascosto ai nostri occhi, è sempre lì, ad aspettare di essere visto... . La gratuità è condivisione a doppio senso. Io condivido questa bella immagine oggi, tu condividerai qualcosa con me, chissà, domani... . Il principio di funzionamento del #networkmarketing è basato sulla condivisione gratuita. Basta fare la stessa cosa che facciamo sempre, con un'azienda che opera nel NM e abbiamo donato qualcosa a qualcuno... . Tu, che cosa doneresti, oggi o domani? . . #affiliazioneitaliana #networkeritalia #consapevolezza #opportunita #creailtuofuturo #scriverechepassione #igl #multilivello #solipensieri #gratuità #consumoconsapevole #terrazzamascagnilivorno
Un post condiviso da Tiziano Consani (@5.15globalenergy_consanitizian) in data:

POST N. 1 - Partenza -



. POST N. 1 - Partenza - Con l'avventura... o con la nave!!! . Mentre guardo questo mare e quella nave, qui, davanti ai Bagni Pancaldi, a #Livorno, penso, ripenso e medito... . Spesso, forse anche ogni giorno, ci capita di consigliare a qualcuno, qualcosa: un prodotto, un servizio, un ristorante, un viaggio, ... Senza renderci conto che stiamo facendo Network Marketing GRATIS! . Sì! Proprio così. Senza volerlo, indirettamente, con la nostra #segnalazione facciamo fare #business a un'azienda o a qualcuno che, talvolta, non conosciamo neppure... . Perché, allora, non farlo lo stesso, guadagnandoci qualcosa e offrendo pure la stessa nostra opportunità alla persona che abbiamo davanti? . Voi, che cosa ne pensate? . . #networkeritalia #affiliazione #affiliazioneitaliana #networkmarketingitalia #opportunità #networkerperpassione #creailtuofuturo #solipensieri #scriverechepassione
Un post condiviso da Tiziano Consani (@5.15globalenergy_consanitizian) in data:

venerdì 14 settembre 2018

Presto, che è tardi!

Non facciamoci attaccare dalla mucillaggine

venerdì 27 luglio 2018

IGL - Italia Gas e Luce e 5 & 5 Global Energy



IGL - Italia Gas e Luce - 5 e 15 Global Energy
Fornitore di energia elettrica e gas del libero mercato.




Se hai attitudine a lavorare in modo autonomo
e ami lavorare in gruppo.

Se poni un occhio di riguardo verso l'energia generata con sistemi sostenibili.

Se ami lavorare via Internet utilizzando i tuoi strumenti multimediali.

Registrati e diventa un affiliato  indipendente di IGL

Potrai proporre contratti di energia elettrica e gas in tutta Italia, isole comprese,
ricevendo compensi proporzionali alle tue capacità produttive.

Con 5 affiliati e soli 15 contratti, farai il 5 e 15 
e usufruirai dei bonus Global Service!

Registrati ora! Ti aspetto!*


*Dopo aver premuto il tasto,  attendere il caricamento della pagina finché la ruota gira.

Dopo la registrazione riceverai, via e-mail, 
tutte le credenziali per poter accedere ai servizi

Per maggiori informazioni
inviare un messaggio a:

consanitiziano@gmail.com

Scrivimi lo stesso anche se non vuoi affiliarti

ma desideri diventare un utente soddisfatto di IGL.
Verrai contattato, entro 24 ore.

*Iniziativa divulgativa per
5-15 Global energy incaricato alle vendite Tiziano Consani

Sede di IGL: Viareggio (LU)

*Privacy: i vostri dati saranno tutelati 

nel rispetto degli articoli contenuti nel GDPR relativo  




venerdì 16 marzo 2018

La luce dell’arte nel buio della galera

Trascrivo, qui di seguito, il contenuto di un articolo, non mio, pubblicato anche da un quotidiano locale in questi giorni, che ritengo opportuno divulgare in quanto dimostrativo del fatto che, dopo una più o meno lunga reclusione carceraria, qualcuno può farcela a uscirne fuori e a iniziare nuovamente a vivere. E, A. Perri, detenuto nel carcere di Don Bosco, a Pisa, è una di quelle persone che ce l'ha fatta!

TC



Inizio articolo


Nella foto: a destra A. Perri e, a sinistra, l'orafa pisana Martine




Detenuto “catturato” dalla bellezza delle icone dal fascino d’oriente.
E’ la storia di A. Perri. In questi ultimi anni di carcere, il pittore galeotto, si è lasciato catturare dalla luce dell’arte, in particolare dalla bellezza delle icone della tradizione bizantina.

È soprattutto nella cappella del carcere della nostra città che l’arte iconografica di Perri ha avuto modo di esprimersi con pregevoli riproduzioni di icone della tradizione orientale. I misteri principali della vita di Gesù sono tutti ben rappresentati: la Natività, il Battesimo, la Crocifissione, la Pentecoste, la comunione della Trinità, e ancora, alcune tavole che raffigurano i santi, del secolo scorso: Massimiliano M. Kolbe, Madre Teresa di Calcutta, Edith Stein. Quasi una Biblia pauperum offerta agli sguardi e alla devozione dei detenuti che frequentano la cappella per il culto, la catechesi e i colloqui individuali che necessitano di una particolare riservatezza. Il carcere, infatti, non è provvisto di locali esclusivi dedicati al servizio della Cappellania.

Per chi entra nel carcere della nostra città, le opere firmate da Perri, per lo più riproduzioni di artisti di fama, sono delle pennellate di luce lungo i corridoi monocolore dell’Istituto carcerario dove si trovano ristrette 272 persone, la più parte straniere (il 56,16% a fronte del 33,98 %, media nazionale).

L’ultima opera di Perri è una pregevole copia della Madonna di sotto gli organi. È stata realizzata in omaggio alla Vergine Hodighitria (“Colei che indica la via”). Madonna pellegrina attraverso parrocchie e vicariati, in quest’anno giubilare dedicato ai 900 anni della Cattedrale. Committenti i padri Dehoniani, da poco più di un anno in servizio nella Cappellania della Casa Circondariale di Pisa. Le preziose corone, sbalzate a mano, sono opera dall’orafa pisana Martine.

L’icona della Madonna di sotto gli organi, ha già trovato la sua collocazione nella cappella della fraternità dehoniana che risiede nella canonica di Castelmaggiore di Calci. Lì si può ammirare un’altra grande icona, sempre opera di Perri: riproduce l’incontro di Gesù con Zaccheo. Un uomo di comando, ricco e corrotto, ma anche pervaso da un desiderio di vita nuova che lo porta a salire su un albero di sicomoro. È in questa posizione, di ricerca, di esplorazione, “in alto”, che lo raggiungono lo sguardo e la voce di Gesù: “Zaccheo scendi subito: oggi devo fermarmi a casa tua”. Noi dehoniani della Cappellania del carcere di Pisa, vorremmo essere come quell’albero di sicomoro: una possibilità, una condizione favorevole, dalla quale qualcuno può spingere oltre la sua ricerca di vita nuova, oltre il buio degli errori del passato, desideroso di incontrare una possibilità di futuro e di salvezza. Come Zaccheo, il quale “cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura”.

Nella sua nuova casa, ora Perri ha un suo modesto laboratorio di pittura: piccolo, ma c’è tanta “luce”: quella dorata delle icone orientali, quella delle meravigliose assurdità del surrealista Joan Mirò che volteggiano ai quattro angoli del soffitto, quella degli occhi di un “artista” che si è scoperto tale nel buio del carcere.

"Io sono la luce del mondo: chi segue me non camminerà nella tenebra, ma avrà la luce della vita" (Gv 8,12).
È il versetto del Vangelo di Giovanni che si trova nel libro aperto che Gesù tiene in mano nella tavola della Madonna di sotto gli organi, l’icona tanto cara alla devozione pisana. La Madonna Hodighitria, colei che indica la via, accompagni A. Perri in questo tratto, più luminoso, della sua via. La bellezza salverà il mondo! MP

Chi fosse interessato alla riproduzione di icone orientali o di altri soggetti può rivolgersi a Perri contattando i religiosi dehoniani (050.939301).


Firmato: MP

Nelle foto sottostanti, le opere di A. Perri.






giovedì 15 marzo 2018

Nero su Bianco, dove condivido ciò che conosco


Pochi giorni fa ho dato vita ad un nuovo sito web, in versione blog, dove, mano a mano, condividerò gli argomenti che fanno parte delle mie conoscenze. Fatti reali, di vita, che mi sono accaduti e soluzioni tecniche, artigianali che ho vissuto e che vivo in prima persona. 


L'indirizzo della Prima Pagina del blog è il seguente:


Buona lettura!

TC

domenica 3 settembre 2017

Le bollette, dell'energia elettrica e del gas, vi fanno pensare?



    Le bollette della luce e del gas sono, per voi, soli pensieri?

    Questo mio sito web, sul quale mi diletto, ogni tanto, a scrivere qualcosa, si chiama “Soli Pensieri”... Chissà, perché?

    Se siete fra quelle persone che hanno difficoltà a interpretare le bollette di fornitura dell'energia elettrica e del gas, leggendo ciò che ho scritto, qui di seguito, potreste sentirvi meno soli di quanto pensiate. Voglio raccontarvi una mia esperienza recente. 

    Era un caldissimo pomeriggio di agosto e, di ritorno da una estenuante mattinata lavorativa dove la temperatura esterna era stata di quasi quaranta gradi centigradi all'ombra, ciò che gradivo di più, dopo aver fatto una bella doccia rinfrescante, era il poter avere un meritato riposo, seduto sul divano di salotto, leggendo un bel libro. Non faccio in tempo a sedermi e ad aprire la confezione di quella che sarebbe stata la mia nuova lettura che... Dlin dlon, dlin dlon: suonano alla porta di ingresso... (Sono le ore 15,00...). Mi chiedo chi sarà a quest'ora e con questo caldo. Mi alzo controvoglia, vado a aprire. È la postina, tutta sudata e trafelata, che mi consegna, a mano, la posta:  perché la mia cassetta delle lettere è stracolma di inserti pubblicitari, premuti dentro a forza, contenenti le promozioni degli ipermercati locali: quindici minuti prima, quando sono arrivato dal lavoro, avevo svuotato la cassetta della posta ma, ora, era nuovamente piena. Cerco di soprassedere all'evento, svuoto nuovamente la scatola di latta dalle reclamizzanti missive e le deposito direttamente, senza neppure aprirle, nel contenitore differenziato dei rifiuti cartacei. Torno in casa, apro la posta che mi ha gentilmente consegnato il portalettere, leggo il contenuto e mi lascio andare, con sconforto e smorfia di dispiacere, sul divano, dopo aver visto l'importo da pagare delle bollette di luce e gas. Incassando il colpo e rimandando, a dopo aver letto almeno un capitolo del mio libro, la difficile interpretazione della traduzione numerica, in euro suonanti, dei rilievi relativi ai miei contatori della luce e del gas. Faccio appena in tempo a girare la prima pagina dell'oggetto cartaceo necessario al mio rilassamento psico-fisico che... Drin drin, drin drin... Alzo la cornetta del mio antiquato e funzionale telefono a filo (ci sono affezionato e funziona anche quando va via la corrente elettrica!!!) e rispondo a un'operatrice di call-center che vuole cercare di farmi cambiare la società di servizi che mi sta fornendo l'energia con quella che lei rappresenta in quel momento. La donna, con accento forestiero (non italiano), mi prospetta sconti da mille e una notte. Mi congedo dicendole chiaramente che non riesco a capire di che cosa stia parlando: in meno di due minuti mi ha vomitato, via filo, stringhe di numeri poco comprensibili anche per me che sono un tecnico con conoscenze elettriche e elettroniche. 
    Mi siedo nuovamente e apro la mia prima pagina e... Dlin dlon, dlin dlon, di nuovo alla porta: ore 15,15 con fuori 41 gradi centigradi!
    Davanti a me, più morto che vivo, che dico? Più cotto che crudo! C'è un rappresentante di una compagnia di luce e gas che mi ripete, per filo e per segno, l'identico sproloquio precedentemente ascoltato per via telefonica. Il venditore, con la loquacità del miglior rappresentante della più rinomata azienda di vendita di aspirapolvere porta a porta (senza nominarla, tanto, ormai, la conosciamo bene tutti!), tenta tutte le migliori tecniche di vendita che le scuole di marketing diretto hanno messo a punto negli ultimi vent'anni. Ma non risponde alla mia domanda, cioè non chiarisce la mia necessità di sapere quanto, realmente, costano un chilowatt di energia elettrica e un metro cubo di gas, all'azienda che lui stesso rappresenta. Non capisce perché glielo chiedo e non gli importa di sapere perché mi faccio questa domanda. (Mi risponde che a lui... n'importa 'na bella sega e che io, le seghe, me le faccio ne la chiòrba...). Mi lascia lì, sulla porta, come 'n bischero, come diciamo noi toscani, e se ne va, con il dito indice già posizionato, a suonare il campanello del mio vicino, scuotendo la testa per l'abbocco padellato (che in pisano significa: tentativo andato a vuoto, non riuscito).
    Torno in casa, non faccio in tempo a sedermi e di nuovo è il telefono fisso a suonare. Subito poco dopo anche il mio cellulare... Sempre e solo operatori e venditori di medesimi piani tariffari energetici. Spengo subito ogni ammendìolo (apparecchiatura tecnologica) che mi gravita intorno e stacco pure il campanello della porta. Finalmente riesco a godermi l'ambito riposo con annessa e rilassante lettura!

    La sera ho pure tempo per meditare sull'accaduto e sull'accattivarsi del marketing diretto-telematico legato al gas e alla luce. Conosco la parte tecnica ma mi sfugge il perché ci siano così tanti venditori a vendere contratti luce e gas quando sono anni che cerco un venditore, per le mie fotocopiatrici usate e, di quest'ultimo, non riesco a intravederne neppure una vaga e sfumata ombra...


Nei giorni a seguire faccio una serie di telefonate e una serie di ricerche sul web. Tutto si chiarisce nel giro di pochi giorni. In sostanza, ogni venditore che stipula un nuovo contratto, di luce , di gas o entrambi, riceve un diritto medio di circa 30,00 euro a contratto girato, più i diritti in provvigione, (infinitesimi, ma esistenti), finché l'utente agganciato rimane cliente dell'azienda di vendita della fornitura.

Se si fanno due conti, anche se in un'intera giornata lavorativa vengono agganciati due soli, a dir loro, fortunatissimi, i rappresentanti in questione incassano ben 60,00 euro. Se poi sono bravi e convincenti, la scalata al centone giornaliero, come si dice noi toscanacci, doventa 'na giacchettata, cioè un gioco da ragazzi.


A questo punto il mio cervello si mette in moto. Qualche giro di telefonate, qualche coincidenza fortuita e la soluzione ce l'ho davanti ben delineata.

Illustrerò di seguito solo la parte legata all'energia elettrica che è la più difficile (chissà perché?!). Per il gas vale quasi la stessa cosa ma è più facile estrapolare, dalla bolletta, il reale costo al metro cubo. Contro, invece, riuscire a discernere il prezzo reale di un chilowatt di energia elettrica. 

Iniziamo a comprendere...


C'è da sapere, che il prezzo della materia prima, cioè il prezzo di fornitura della corrente elettrica: è irrisorio!  E che la differenza, fra il prezzo fatto da una ditta che propone contratti, rispetto a un'altra, è riferita solo a tale, e irrilevante, dato di fatto. Diciamo che cambiando azienda l'utente risparmia qualcosa ma, non molto: economizzerà un po' di più durante il primo anno di contratto, un po' meno nel periodo successivo ma, qualsiasi scelta che verrà fatta, non sarà un grande risparmio.

A fare il vero prezzo della corrente che consumiamo è la somma delle seguenti voci:
  • le accise statali e l'imposta sul valore aggiunto (I.V.A.) che spettano all'Ufficio delle Entrate;
  • il costo di trasporto dell'energia che spetta al distributore;
  • i canoni obbligatori mensili che l'azienda venditrice utilizza per ricoprire i costi dei rappresentanti alle vendite e del marketing;
  • Il costo una-tantum (circa 70/80 euro) di deposito iniziale;
  • il reale costo di fornitura che spetta al produttore.

    È quest'ultimo, il vero prezzo della corrente: circa un terzo, talvolta anche un quarto, di quello che realmente spendiamo per pagare la bolletta della luce! 

    In numeri: il prezzo reale di un chilowatt/h di energia elettrica è poco meno di 6 centesimi di euro! Esattamente: € 0,05883 nell'anno 2016: prezzo del PUN: Prezzo Unico Nazionale.

    Le aziende venditrici, giocando su questo piccolo valore numerico, abbassano e alzano tali pochi centesimi per proporre quello che definiscono il loro supervantaggio offerto!




Dico io! Ma anche se viene fatta la metà di 6 cent, quanto sarà mai il vantaggio di questi benedetti 3 cent, per noi poveri utenti? Su 100 Kw/h consumati in un mese, ci sono appena 3 euro di risparmio...

Perché, per 3 euro, quando ci va bene, dobbiamo cambiare fornitore di servizi? Chi ce lo fa fare?

Sarebbe invece ben diverso se fosse possibile recuperare una parte dell'introito iniziale che va al venditore, se si potesse recuperare una parte o addirittura eliminare il costo iniziale di deposito e, nei limiti possibili, sarebbe pure il massimo poter riscuotere un bonus premio sui nuovi contratti che potremmo segnalare, come utenti, ad amici, parenti, conoscenti, ecc...


Che cosa ne pensate? Sarebbe bello?

Sappiate che ciò che ho scritto sopra, si può trasformare in realtà!